LA STORIA DELLE MACCHINE PER TATUAGGI A PENNA

I tatuaggi sono noti anche come skin art o body art, e a ragione. Esistono prove archeologiche che dimostrano che i tatuaggi sulla pelle venivano praticati fin dal Neolitico. Il primo esempio conosciuto è quello del corpo mummificato di Otzi, l'uomo venuto dal ghiaccio. Il reperto risale a un periodo compreso tra il 3370 e il 3100 a.C. ed è conservato sulla pelle mummificata. Otzi prende ovviamente il nome dal luogo di ritrovamento del suo corpo, nelle Alpi Otzali d'Europa. L'esame ravvicinato dei 61 tatuaggi presenti sul suo corpo indica che la cenere del camino fu usata come inchiostro, per tracciare i tatuaggi sul suo torso. Non solo, le mummie scoperte in luoghi molto distanti tra loro, come l'Alaska, il Sudan, la Mongolia, la Russia, l'Egitto, la Cina e persino la Groenlandia, hanno tutte mostrato vari disegni e modalità di tatuaggio, per lo più inchiostrati. Ma dai rozzi strumenti a mano, spesso tribali, utilizzati dagli antichi, ai moderni macchine per tatuaggi a penna è molto lontano.

Come funzionano?

L'ultima Pen Machine ha l'aspetto di una penna. Può non sembrare sorprendente, ma è così. La maggior parte delle precedenti macchinette per tatuaggi si sono evolute fino a diventare piuttosto formidabili, con disegni complessi e difficili da usare. Spesso si pensa che gli aghi per tatuaggi funzionino iniettando l'inchiostro sotto la pelle, ma questo è vero solo in parte. La macchina ha molti aghi appuntiti, che sono molto diversi dalla pratica medica standard. Gli artisti del tatuaggio non iniettano semplicemente l'inchiostro da una camera. Le molteplici punte degli aghi si immergono in vasi di inchiostro, come si può vedere dalla fotografia video al rallentatore. È un po' come se un pittore immergesse il suo pennello nella vernice. La meccanica dei fluidi è piuttosto spettacolare. L'inchiostro viene trattenuto tra gli aghi. L'ago perfora la pelle (non il grasso, perché questo causerebbe la sfocatura del tatuaggio). L'inchiostro trattenuto tra gli aghi viene tirato verso il basso per produrre un tatuaggio perfetto, nitido e duraturo.    

Tipi di macchine

Esistono due tipi fondamentali di macchinette a penna: Le macchine per tatuaggi a bobina e quelle a rotazione. Funzionano in modi completamente diversi per raggiungere lo stesso scopo, ovvero muovere gli aghi dentro e fuori la pelle del cliente. Ad ogni inserimento, l'inchiostro viene depositato nel secondo strato di tessuto sotto l'epidermide primaria, chiamato derma. È il motore degli aghi che li distingue. Le macchine rotanti sono dotate di un piccolo motore incorporato in ogni penna, che muove gli aghi collegati su e giù in modo fluido con ogni movimento ciclico creato dal motore. Questo rende la macchina incredibilmente silenziosa. Il Tatuaggio con macchina a bobina utilizza una coppia di bobine elettromagnetiche per creare un effetto martello, che si avvicina alle forme tradizionali e tribali di tatuaggio. Le molle vengono avvolte dall'azione delle bobine elettriche e poi rilasciate, facendo sì che la barra dell'armatura colpisca gli aghi nella pelle. Anche il suono emesso dalla Coil Machine ricorda quello dell'antica arte del tatuaggio con spilli e bastoncini.      

Un tocco di storia

Entrambi i tipi di macchine si sono evoluti da un'unica invenzione, la penna elettrica di Thomas Edison. Questa veniva utilizzata per la duplicazione utilizzando la tecnica dell'ingegneria rotativa per copiare più velocemente i contenuti scritti. Chiamate penne a stencil, il principio di questi dispositivi attirò Sam O'Reilly, che nel 1891 brevettò la prima penna elettrica per tatuare a macchina. Era più veloce e più sicuro. In seguito, O'Reilly brevettò anche un tubo d'inchiostro per il tatuaggio e un serbatoio d'inchiostro che faceva parte del sistema. Questi elementi costituirono la prima macchina per tatuaggi rotante. Poi arrivò la prima macchina per tatuaggi a bobina, che utilizzava bobine elettromagnetiche gemelle e molle caricate per simulare la tradizionale azione di martellamento del tatuaggio manuale. Fu inventata in modo indipendente da Thomas Riley di Londra solo quindici giorni dopo che O'Reilly aveva inventato la sua Macchina Rotante. Riley inserì un campanello modificato all'interno di una scatola di ottone. All'epoca era a bobina singola, ma poco dopo Alfred Charles South, un altro londinese, inventò la macchina a doppia bobina. Si trattava di una macchina molto pesante, tanto che spesso veniva appesa al soffitto tramite delle molle per rendere il carico sopportabile dall'artista del tatuaggio e permettere di riempire i dettagli più fini.

Il terzo tipo di macchinetta per tatuaggi è stato inventato quasi 100 anni dopo gli altri ed è molto diverso dai primi due. Si tratta delle macchine per tatuaggi pneumatiche del tatuatore Carson Hill, che sono alimentate da aria compressa per spingere gli aghi su e giù. Le macchinette pneumatiche sono perfette sia per gli artisti del tatuaggio che per i clienti, perché sono completamente autoclavabili e possono essere sterilizzate secondo le norme mediche e scientifiche. Inoltre è estremamente leggera. Tuttavia, questa macchina non è ancora molto popolare.

 E questa, in breve, è la Storia di macchine per tatuaggi a penna.

Carrello
it_ITItaliano
Seleziona la tua valuta
Torna in alto